Il mio viaggio nella fotografia

marco barbera

Mi chiamo Marco Barbera, sono nato nel 1990 e vivo a Imola, famosa per due cose: la “I” di Imola e la Formula Uno.

Sono un grande appassionato di viaggi e la macchina fotografica è la mia instancabile compagna.

Il viaggio per me è uno strumento che mi avvicina a nuove persone e mi offre diversi punti di vista, dandomi l’opportunità di conoscere meglio me stesso, di mettermi in discussione e di spingermi oltre i miei stessi limiti. 

Sono sempre stato affascinato dal potere che ha una macchina fotografica di condensare in uno scatto pezzi di vita, emozioni, storie. L’ho sempre utilizzata come mezzo per poter trasmettere con un’immagine ciò che non riuscivo a esprimere a parole. Infatti la fotografia mi è stata di grande aiuto nel combattere un mio forte disagio: la dislessia.

Questa grande passione mi accompagna sin da quando ero un lupetto degli scout. Ricordo che con la mia compatta adoravo immortalare quei momenti goliardici e di spensieratezza con i miei amici durante le nostre escursioni.

La prima reflex che mi sono potuto permettere l’ho comprata con i soldi dello stage scolastico e fu una grandissima soddisfazione.

Da quel momento non sono più uscito di casa senza la mia compagna di avventure che mi ha insegnato a viaggiare di immagini e a emozionarmi con esse.

 

Nel 2010, a vent’anni, ho iniziato la mia gavetta come fotografo di matrimoni per un professionista di Imola e dopo cinque anni mi sono spostato a Ravenna dove ho iniziato a lavorare per uno studio fotografico che mi ha accolto come un figlio e con il quale collaboro tuttora.

Negli anni sono riuscito ad entrare in contatto con grandi professionisti che mi hanno reso quello che sono oggi. Grazie a loro ho affinato la mia arte, trovato la mia strada e il mio stile e niente mi rende più orgoglioso.

Il fotografare, la fotografia, per me non sono un semplice mestiere.

Sono una ricerca continua, mai paga di sé, per cogliere quell’essenza insita nei volti, negli sguardi, nei gesti delle persone.

Grazie all’uso della mia focale fissa da 50 mm cerco di entrare nella dimensione più intima della gente per riuscire a raccontare la storia di chi incontro, dare voce a coloro che spesso una voce non ce l’hanno, costringere la mente dello spettatore a pensare attraverso un’immagine e a porsi in un atteggiamento problematico verso il mondo circostante.

Di ogni luogo che ho visitato, di ogni volto, espressione che ho catturato mi sono sempre portato a casa un pezzo di anima.

“Mi piace definirmi un ladro di ritratti, ritratti di vita”

La nostra africa
La nostra africa

Dicono di me

Le foto di Marco Barbera da Kilis, al confine turco-siriano

SabatoSera.it

Marco Barbera, 28 anni, ha lasciato un pezzo di cuore a Kilis, città della Turchia al confine con la Siria che ha accolto e ospita, in condizioni di estrema povertà, centinaia di profughi scappati dalla guerra. Con la sua macchina fotografica ha partecipato in gennaio ad una spedizione umanitaria organizzata dall’associazione modenese «Time 4 life International»,…

L’imolese Marco Barbera ha partecipato ad una missione in Kenya

SabatoSera.it

Le mutilazioni genitali femminili (mgf in sigla) sono purtroppo ancora molto diffuse in ben 29 paesi africani, in alcune zone dell’Asia e, complice l’immigrazione, in alcuni casi anche negli altri continenti. Secondo dati Unicef ogni anno 3 milioni di bambine subiscono queste pratiche, con gravi danni fisici e psicologici, quando non subentra la morte per infezione a causa dell’inosservanza delle più elementari norme igienico-sanitarie…

La mia Africa dietro l’obiettivo

Il nuovo diario messaggero
  • Porto Recanati solidale
  • Time 4 Life
  • La nostra africa
  • Legambiente
  • imola mare
  • Croce rossa italiana imola
  • Agesci
  • il Ponte azzurro
  • se shepherd

    Contattami


      Marco Barbera
      Viale d’Agostino 151/D
      40026 Imola
      (BO) Italia

      MarcoBarbera